Ordine dei Biologi della Toscana e dell'Umbria

“L’obesità nell’approccio transdisciplinare”: tutto esaurito a Perugia per il convegno organizzato dall’OBToU con il patrocinio del Parlamento Ue

Data:
15 Giugno 2024

“L’obesità nell’approccio transdisciplinare”: tutto esaurito a Perugia per il convegno organizzato dall’OBToU con il patrocinio del Parlamento Ue

L’obesità nell’approccio transdisciplinare“. Se ne è parlato a lungo ed in maniera approfondita lo scorso 14 giugno, a Perugia, nell’ambito di un convegno scientifico organizzato dall’Ordine dei Biologi della Toscana e dell’Umbria, nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni. L’evento (accreditato ECM), di cui responsabile scientifico è stato designato il dott. Piero Labate (tesoriere dell’OBToU), è stato patrocinato dal Parlamento Europeo ed ha fatto registrare il tutto esaurito. Merito anche del parterre dei relatori formato da docenti universitari, specialisti e professionisti del “pianeta sanità”.

CONDIVIDERE LE CONOSCENZE
Tutti riuniti nel capoluogo umbro – medici, biologi, dietisti ma anche psicologi e corpo militare dell’Ordine di Malta – per offrire un’opportunità unica di condivisione di conoscenze scientifiche, esperienze e best practice nella gestione e nel trattamento di uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale (secondo i dati Istat, in Italia si possono stimare in circa 4 milioni le persone adulte obese). Questo perché, come ha detto il prof. Renato Fani, presidente dell’OBToU introducendo i lavori: “è solo attraverso l’integrazione di diverse discipline che si potrà affrontare, in maniera efficace, una sfida sanitaria che, in questi tempi, appare sempre più difficile“.

LA MISSION DELLA CONVENTION
Da qui dunque la mission della convention perugina: “porsi come una specie di focus, una lente d’ingrandimento sull’integrazione di più discipline con l’obiettivo dichiarato di identificare nuove strategie per migliorare la prevenzione, la gestione e il trattamento dell’obesità, autentica piaga del terzo millennio” ha aggiunto il dott. Labate. L’obesità, dunque, declinata in tutti i suoi aspetti più delicati e attuali come, ad esempio, nel rapporto con l’oncologia (ne ha parlato la prof.ssa Anna Villarini), con l’infertilità maschile (prof. Giovanni Luca), con la diabetologia (prof. Riccardo Calafiore), oppure con la cardiologia (prof.ssa Ketty Savino) e con il modo di vivere la gravidanza quando si è in sovrappeso (dott.ssa Paola Fusaro) ma anche in relazione al legame esistente tra obesità e ruolo dell’internista (dott.ssa Anna Rita Roscini). Argomenti, questi, affrontati nella sessione mattutina dei lavori.

TRA NUTRIZIONE E CHIRURGIA
Nel pomeriggio, subito dopo la dimostrazione pratica dedicata alle “manovre di disostruzione delle vie aeree nella persona con obesità”, a cura del Corpo Militare dell’Ordine di Malta (Unità Territoriale Umbria), nella sessione dedicata ad obesità e nutrizione (moderata dai dott. Piero Labate e Marco Giampaoli), si è parlato di dieta chetogenica (prof. Antonio Paoli); di dieta zona (dott.ssa Maria Assunta Ciacci) e dieta mediterranea (dott.ssa Giuditta Pagliai). A seguire, attorno al tavolo incentrato sul rapporto tra obesità e chirurgia, moderato dai dott. Piero Labate e Marco Ballerini, si sono susseguiti gli interventi su obesità, gastroenterologia ed endoscopia (a cura del dott. Francesco Bronzini) e obesità e chirurgia bariatrica (dott. Saverio Valiani).

PSICOLOGIA E SESSUALITA’
L’ultima parte della kermesse (moderatori: la dott.ssa Claudia Trippetti e la prof.ssa Silvia Pellegrini) ha toccato infine la delicata sfera dei rapporti tra obesità e psicologia. Spazio quindi all’approfondimento del modo in cui le persone obese vivono la sessualità (prof. Stefano Federici); ma anche al tema dell’obesità e dei disturbi del comportamento alimentare (prof.ssa Laura Dalla Ragione); ad obesità e disturbo da alimentazione incontrollata (dott. Simone Pampanelli) e infine al cosiddetto “stigma” dell’obesità (dott. Daniele di Pauli).

I SALUTI ISTITUZIONALI
Nota di cronaca: i lavori della convention perugina si sono aperti con i saluti del dott. Luca Coletto, assessore alla Salute e Politiche Sociali della Regione Umbria. Sul palco anche il direttore della Scuola di Specializzazione in scienza dell’alimentazione UniPG, prof. Carmine Fanelli, il comandante dell’Unità Territoriale Umbria del Corpo Militare dell’Ordine di Malta, col. Luciano Valentini di Laviano e il dott. Marco Giampaoli, componente del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini regionali Biologi, il quale ha portato i saluti del presidente della FNOB, sen. Vincenzo D’Anna.

Ultimo aggiornamento

16 Luglio 2024, 10:40

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento